Uganda

Uganda cartinaPerla verde sul filo dell’equatore, l’Uganda è un giardino che sicuramente incanterà i vostri sensi.

I grandi laghi e la catena del Rwenzori  ne fanno una terra ricchissima di acqua, dalla lussureggiante vegetazione e grande biodiversità, deliziata da un clima temperato estremamente piacevole grazie all’altitudine che raramente scende sotto i mille metri ed all’influenza del Lago Vittoria.

La ritrovata tranquillità politica ne fa una delle mete più ambite dagli appassionati di ecoturismo.

Dal Lago Vittoria, il più esteso del continente, in Uganda nasce il Nilo, il fiume più lungo d’Africa, dove trova ancora rifugio il mitico becco a scarpa, uccello preistorico ormai rarissimo. La ricerca delle mitiche sorgenti del Nilo divenne l’ossessione degli esploratori sul finire del 1800 ed il loro ritrovamento significò la scoperta dell’angolo più remoto e nascosto d’Africa. L’Uganda possiede foreste primarie mai toccate dall’uomo e  nelle quali hanno trovato rifugio un’infinità di specie diverse, di cui molte endemiche: 350 tipi di uccelli, 200 di farfalle, più di 80 tipi di mammiferi di cui almeno 14 primati diversi compresi gli ormai rarissimi gorilla di montagna.
Il gorilla-trekking è sicuramente una delle principali attrattive del paese. Un lungo e paziente lavoro ha permesso di abituare questi grandi primati alla presenza degli esseri umani per un breve tempo ogni giorno, rendendo possibile la loro osservazione da vicino. Guardare negli occhi questi miti e pacifici giganti resterà un’emozione indimenticabile.

Percorrendo l’Uganda attraverserete savane alberate popolate dai grandi mammiferi  (elefanti, rinoceronti, bufali, leopardi, leoni), paludi ed acquitrini, paradiso dei birdwatcher, la foresta equatoriale nella cui fitta trama volteggiano i primati. A perdita d’occhio si stendono sulle fertili colline orti e piantagioni da cui questo laborioso popolo ricava frutta e verdura per buona parte dell’Est Africa. La Rift Valley Albertina, la grande spaccatura tra  placche tettoniche che dall’Etiopia alla Tanzania fu la culla dell’umanità, ospita grandi laghi e ambienti più secchi. Ed infine, per chi non vuole perdersi uno dei trekking più apprezzati dagli alpinisti, la catena del Rwenzori si snoda ad Ovest in una lunga fila di cime che raggiungoino i 5109 m: camminerete attraverso la foresta pluviale fino al particolarissimo habitat di alta quota afro-montano, la brughiera fiorita in cui spiccano lobelie e seneci giganti.

Insieme agli ambienti naturali anche la popolazione dell’Uganda ha conservato parte dell’eredità dei grandi regni centrafricani del passato; sarà interessante conoscerne gli usi e costumi, ammirare i prodotti dell’artigianato come le folkloristiche danze.

uganda
Repubblica semi presidenziale
Lingua: inglese, swahili, luganda
Moneta: scellino ugandese
Capitale : Kampala
Religioni:
Religioni:
2/3 cristiani
1/6 musulmani
1/6 animisti
Quando andare: tutto l’anno, periodo ottimale tra dicembre e febbraio, tra giugno e settembre

Visto acquistabile in aeroporto al vostro arrivo (100 USD valido anche per Kenia e Rwanda)

Vaccinazioni obbligatorie
  • nessuna;
Per maggiori informazioni:
http://www.ilgirodelmondo.it/

uganda parchi

 

 

 

 

 

Safari e gorilla trekking

 

uganda rwenzori trekking
trekking del Rwenzori